Ultime dalla cooperativa:
Festa dei nonni 2016 Al di là de "Il Giardino" Hai intenzione di svolgere il Servizio Civile? Lezione concerto per i bambini de "Il Girotondo" Raccontare l’adozione C'è sempre un nido per me al Festival dei Bambini di Firenze L'Italia che cambia IBBY Italia è in Fiera "C'è sempre un nido per me" al Girasole Ringraziamenti a Lazio Club Quirinale 1900 Ringraziamenti a Confeuro Ringraziamenti per la befana/2 Ringraziamenti per la befana/1 Cantiamo la solidarietà 2015 "C'è sempre un nido per me" è ora disponibile!! Il laboratori del Nido Blu Centro per le famiglie “Arca di Noè” C'è sempre un nido per me Nuovo materiale per l'anno scolastico 2014-2015 Il coro dei nonni 2015 E' stato inaugurato un nuovo servizio Musicainfasce Inaugurazione di "Casa Mirella" Non è mai troppo tardi La cooperativa partecipa al progetto Recoveu CLEAR - Children's Legal Education Adapted Resources. Il nuovo book delle Pigotte Il Coro dei Nonni per "Pigotta: La bambola che salva la vita" Note e ricordi Grazie a tutti!! Lettera di ringraziamento Inaugurazione casa dei bambini "Il Giardino" Il coro dei Nonni 2014 - Galleria fotografica Nuovo materiale dello spazio Be. Bi. Pan di Zucchero 2013-14 Il coro dei Nonni 2014 Invito a teatro Il giornalino del Girasole n. 28 è disponibile Penelope at Work Cantiamo la Solidarietà: galleria fotografica. Dicembre 2013: è nato un nuovo servizio della nostra cooperativa ! "Il nido blu" spazio be.bi montessoriano multilingue Cantiamo la solidarietà Genitori si nasce o si diventa? Edizione 2013 Ciò che guardi ti riguarda: il video Hallo Friends 2013 Ciò che guardi ti riguarda Bomboniere solidali Materiale audiovisivo Pan di Zucchero 2012-13 Grazie all'Ordine degli Avvocati di Roma Ringraziamenti a "L'ancora" Giornalino de "Il Girasole n. 27" 29 giugno 2013 due eventi speciali Il coro dei nonni Il bambino nella testa. Il bambino nel cuore: il percorso adottivo. Nuovo servizio rivolto ai minori CERCASI CASA Online la copia n. 26 de "Il giornalino del Girasole" Il girotondo ringrazia "Roberta for Children" Genitori si nasce o si diventa? Auguri di buone feste. Book fotografico delle Pigotte di quest'anno Festa delle pigotte 2012 Caro diario... Auguri a tutti i nonni del mondo! Riparte il progetto Hallo Friends! Il giornalino del Girasole n. 25 Progetto transnazionale “BIS” Album fotografico Spazio Be. Bi. Pan di Zucchero 2011-2012 Un'estate al mare Ringraziamenti Relazione annuale 2011 del Girotondo Restyling del sito Progetto europeo BIS 2011-2013 Immagini dal convegno Dall’autonomia alla non autosufficienza: andata e ritorno I progetti del servizio civile di quest'anno L'album fotografico di Pan di Zucchero 2010-2011
A+ A A-

Casa Mirella

 

logo-casa-mirellaA vent’anni dall’avvio della prima casa per bambini “Il Girotondo”, è necessario ricordare le fondamenta teorico-metodologiche che hanno reso possibile la costruzione del Centro per l’Infanzia prima e della “Casa Mirella” oggi.
Il termine “Casa dei Bambini” è preso in prestito da una terminologia usata da Montessori per indicare una casa per “crescere ed apprendere”, una casa in luogo della “scuola”.
Abbiamo chiamato le nostre case famiglia le “Case dei Bambini” per indicare il luogo in cui effettivamente e temporaneamente vivono neonati e piccoli bambini separati dai genitori. Nel termine si è voluta conservare l’indicazione psicopedagogica e la finalità educativa.
Quest’anno in cui abbiamo accolto il 400° bambino, ci troviamo a inaugurare l’avvio di una nuova casa e non possiamo omettere di ricordare che i primi due anni di vita sono i più importanti nello sviluppo dell’uomo.
Come diceva Montessori ne “La Mente del Bambino” la grandezza della personalità umana comincia con la crescita dell’uomo, da ciò deriva che l’educazione dovrebbe cominciare dalla nascita.
Durante questo periodo l’educazione deve essere intesa come aiuto allo sviluppo dei poteri psichici innati dell’individuo.
A tre anni il bambino ha già posto le fondamenta della personalità umana.
Il centro dell’educazione è l’uomo stesso che incomincia il suo sviluppo mentale dalla nascita e lo effettua con la maggiore intensità nei primi tre anni di vita: a questo periodo più che ad ogni altro è necessario sia data una vigile cura. Dagli studi sui primi anni di vita del bambino cosa se ne deduce? Che la crescita dell’individuo in luogo di essere affidata al caso, deve essere diretta scientificamente con migliore cura: il che consentirà di raggiungere un migliore sviluppo. L’idea su cui tutti concordano è che l’individuo più curato e assistito è destinato a crescere più forte, più equilibrato mentalmente e con un carattere più energico: in altre parole un individuo ATTIVO e non RE-ATTIVO.
Numerosi studi hanno invece sottolineato i danni dello sviluppo psichico e le numerose patologie a cui vanno incontro i bambini che vivono in assenza di cure adeguate e/o senza i genitori. Tuttavia la nostra esperienza ventennale, condotta con una supervisione scientifica, ha evidenziato come sia possibile crescere malgrado l’assenza dei genitori in modo armonico, sano ed equilibrato. Questa “crescita” non è affidata al caso, ma l’educazione è intesa come aiuto alla vita fin dalla nascita, e tutta l’azione psicopedagogica è orientata in questo senso. Uno dei più noti principi Montessori è la “preparazione dell’ambiente” che offre la chiave per “un’educazione dalla nascita”. A questa “visione” nelle nostre Case dei Bambini viene data ampia risonanza.È necessaria infatti un’organizzazione degli spazi attenta e minuziosa, una continua ed instancabile riflessione sulle idee e sulle azioni messe in campo per e con il bambino; tutto ciò rende percorribile l’idea che un servizio per la Prima Infanzia possa accogliere, sostenere e accompagnare la competenza di ogni bambino e bambina nel primo crescere, in quella auspicata autocostruzione che lo rende “il costruttore del proprio divenire”. Organizzare l’ambiente significa riconoscere al bambino il bisogno costante di agire in spazi di attività e all’interno di relazioni significative, dove egli compie delle libere scelte muovendosi tra le proposte fornitegli, adatte per qualità e per la sua età e per la sua curiosità. Così facendo si riconosce- inoltre- l’impegno di tutti i soggetti coinvolti e dedicati ad occuparsi del benessere sia fisico che psichico di tutti i bambini nel quotidiano.
Per favorire l’educazione come aiuto, e non “ostacolo” alla vita, è necessaria una continua “osservazione” del bambino e poi una comune riflessione su ciò che abbiamo capito e compreso.
L’educatrice di riferimento annota il diario di osservazioni sul bambino, si confronta in èquipe per condividere criticità, progressi e bisogni del bambino; rendendo il lavoro educativo il più possibile condiviso e omogeneo.Il bambino è accompagnato da subito ad assecondare la sua naturale curiosità per la vita, a desiderare la verità ed a sviluppare la concentrazione e l’autonomia. Sempre Montessori asserisce che “la cosa più semplice e chiara è l’origine delle cose; […] il bambino deve avere l’origine delle cose perchè l’origine è più chiara e naturale per la sua mente.  Noi dobbiamo semplicemente trovare un materiale per rendere l’origine accessibile”. Nelle nostre case dei bambini, l’educatrice Montessoriana, nel preparare l’ambiente di vita, offre ai bambini la possibilità di cogliere “l’origine” delle cose che li circondano. Montessori aveva compreso che un’infanzia ben vissuta è la condivisione ideale perché ognuno di noi possa sopportare le disavventure e le avversità. E lei, esperta di patologie del corpo, ma ancor più della mente deprivata, ha sempre insistito su un principio elementare ma efficace: che la miglior cura è la prevenzione; e che la migliore prevenzione infantile è una corretta educazione che assicuri al bambino di essere accompagnato nell’autocostruzione di un sé semplice e resistente.
I bambini che hanno fatto un’esperienza di un’educazione Montessori sono più forti, hanno una maggiore fiducia in sé e sanno costruire relazioni affettive efficaci, nonostante provengano da relazioni neonatali danneggiate.

Clicca qui per scaricare la brochure del servizio

 

From Address: To:

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sul tuo social network preferito.

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixxRSS FeedPinterest

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni. Se desideri collaborare con questo servizio puoi allegare il tuo curriculum vitae. Se sarà necessario sarai contattato.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
In alternativa puoi contattarci telefonicamente al numero 066538929 chiedendo della dott.ssa Maria Teresa De Camillis o della dott.ssa Elisabetta Temperini.
 
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
captcha
Ricarica

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information